Buona Pasqua

Carissimi Amici, Collaboratori e Fruitori tutti,
per questa celebrazione della Pasqua cosi inedita e imprevedibile sento vivo il bisogno di rivolgermi a tutti voi che, a diverso titolo, collaborate o usufruite  delle nostre attività formative per esprimere sentimenti di partecipazione e insieme di profonda gratitudine.

Innanzitutto di partecipazione verso coloro che in qualche modo sono stati segnati da sofferenza, dolori, incertezze sul presente e sul futuro a motivo dell’epidemia che ci ha colpito. Gratitudine per tutti i più diretti collaboratori (personale, direttori, docenti) per la generosa disponibilità con cui hanno risposto all’improvvisa emergenza di non lasciare soli e disorientati i nostri corsisti, garantendo con il massimo sforzo e vero sacrificio personale l’erogazione della formazione. Un grazie, non per ultimo,  anche ai corsisti che hanno accolto benevolmente i non sempre evitabili momentanei disguidi, dovuti alla iniziale sperimentazione dell’erogazione a distanza della formazione.

Nel constatare ciò, tutti  abbiamo sperimentato la bellezza della solidarietà, cifra specifica della Pasqua di Cristo,  e della spontanea collaborazione in spirito di servizio, certamente piccola ma comunque significativa testimonianza rispetto all’immenso eroismo che l’Italia ha saputo inaspettatamente dimostrare per salvare vite umane anche a costo della propria, e dare tutta la serenità possibile all’intera popolazione. Sento doveroso esprimere a nome di tutti noi  il profondo grazie alle innumerevoli categorie coinvolte in questo gigantesco sforzo.

Mi sono interrogata con quale atteggiamento potevo farvi e farci i gli auguri pasquali in questa situazione ancora segnata, e che sarà a lungo tale,  da ferite e incertezze profonde. Le parole più giuste mi sembrano essere quelle della speranza di una rinascita fondata, per i credenti sulla certezza della Salvezza che Cristo è morto ed è risorto per salvare l’umanità ferita, per tutti sulla scoperta di quanta capacità di bene alberga ancora nel cuore degli uomini che troppo sbrigativamente si suole etichettare come individualisti e deresponsabilizzati.

Il mio augurio a tutti voi è di saper cogliere la lezione che quest’ora storica ci dà concretamente:  di non dimenticare mai la forza della solidarietà umana per risollevarci da ogni difficoltà individuale e collettiva e di  coltivare i nostri comportamenti quotidiani per nutrirli di rispetto, di attenzione, di collaborazione, per il benessere di tutti e per una pacifica convivenza umana.

Con questi sentimenti umano-cristiani auguro a tutti una Pasqua serena, nutrita di solida speranza, disposti tutti a metterci alla prova per costruire, anche nella nostra piccola comunità formativa, un futuro di solidale collaborazione.

Di cuore auguro buona Pasqua a tutti

Carmela Di Agresti

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Fornisci il tuo contributo!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.